Navigazione veloce

Pensiero computazionale, coding e robotica educativa

grass-lawn-green-wooden-6069Nel nostro istituto, dall’anno scolastico 2015/2016, si insegnano coding e robotica educativa.

Ma cos’è il coding, e perché alunni, insegnanti e perfino genitori, dovrebbero mettersi in gioco in questa attività?

La risposta breve è la seguente: il coding è divertente, educativo, permette di imparare, giocando, un nuovo modo di ragionare, e può coinvolgere bambini, ragazzi, insegnanti, genitori e nonni. Coding vuol dire programmazione informatica, ma il coding non richiede necessariamente computer, tablet e smartphone. Esistono giochi da tavolo basati sul coding; in alcune classi gli studenti sperimentano il coding attraverso la propria fisicità.

Una risposta più articolata parte dalla definizione di pensiero computazionale. Questa concetto fu introdotto per la prima volta dalla scienziata Jeannette Wing nel 2006. Il pensiero computazionale è “il lato scientifico-culturale dell’informatica e aiuta a sviluppare competenze logiche e capacità di risolvere problemi in modo creativo ed efficiente, qualità che sono importanti per tutti i futuri cittadini.” [cf. https://www.programmailfuturo.it/progetto]. Un programmatore è in primis un grande risolutore di problemi: saper programmare vuol dire prendere un problema complesso e scomporlo in passi semplici, in modo chiaro e senza ambiguità. Questa dote non aiuta solo a formare programmatore, non è questo l’obiettivo che perseguiamo quando facciamo coding nel nostro istituto, è una capacità, un modo di ragionare, una competenza, che si applica a molti aspetti della vita: è un nuovo modo di affrontare e scomporre i problemi, e aiuterà i nostri studenti qualsiasi sia il percorso che decideranno di intraprendere.

Nel nostro istituto il coding viene fatto sia nella scuola dell’infanzia, sia nella scuola primaria, sia nella scuola secondaria di primo grado. Inoltre, nella scuola secondaria di secondo di primo grado, durante le ore di tecnologia gli studenti seguono anche un percorso di robotica educativa, un altro modo per mettere in pratica i concetti del coding.

Durante l’anno scolastico 2016/2017 molti docenti dell’istituto hanno seguito un corso tenuto da me sul coding. Questo è un video, registrato per il corso, in cui approfondisco i concetti di coding e pensiero computazionale.

Fabio Piedimonte

Sapete che il coding ha anche un suo inno? La “Ode to Code”, l’inno al coding, composta da Brendan D. Paolini, che nasce come trasformazione dell’inno alla gioia di Beethoven. Nel video, girato in occasione del Code Week 2015, c’è anche l’irresistibile Code Dance.

Risorse

Video corso di coding

Ultimi 3 articoli dei mesi precedenti

1 Gen 18 - Settimana europea del codice, 2A e 2B – Secondaria di Primo Grado – Plesso Via A. Della Seta

I ragazzi della 2A e della 2B della secondaria hanno partecipato alla settimana europea del codice (CodeWeek), guidati dal professore di Tecnologia (Fabio Piedimonte). Hanno prima studiato le basi teoriche e successivamente si sono esercitati sul sito Code.org.
Hanno partecipato con entusiamo e molti di loro hanno scoperto un mondo completamente nuovo. Fare coding è divertente […]

12 Dic 17 - Ore del codice, V B – Primaria – Plesso Via del Calice

Gli studenti della 5B di via del Calice, guidati dalla maestra Stefania Palumbo, sono ormai più che esperti di coding e pensiero computazionale. Hanno già quasi completato anche il quarto corso presente nella piattaforma Code.org. Nel loro caso è riduttivo parlare di ora del codice, meglio usare il plurale. Ma non intendono fermarsi, proseguiranno la […]

8 Dic 17 - Settimana europea del codice, IV C – Primaria – Plesso Via Amantea

Quando si fa Coding non si vorrebbe mai smettere. Anche la IV C del plesso di Via Amantea, sotto la guida della maestra Simona Bevilacqua, ne è rimasta contagiata. Saranno riusciti i nostri pulcini a superare i livelli più ardui? Ad affrontare miniere, maialini arrabbiati e quant’altro dovessero aver trovato sulla loro strada? Ripeti, Vai […]